Navigazione
· Home Page
· Forum
· Galleria Fotografica
· Catalogo Locomotori
· Downloads
· Articoli
· News
· Links
· Staff e Contatti
· Ricerca

· admin
Treno Verde 2010





Treno Verde 2010






Quest'anno l'annuale iniziativa di Ferrovie dello Stato e Legambiente raggiunge la sua ventesima edizione.
Il Treno partirà da Roma e toccherà le città di Messina, Crotone, Potenza, Latina, Ancona, Ravenna,
Vicenza, Milano Porta Garibaldi e Genova (Piazza Principe).
In tutti questi anni il Treno Verde ha riscosso un enorme successo tra grandi e piccini anche perchè si possono imparare ,attraverso una mostra interattiva, sia le problematiche ambientali che le soluzioni.

Treno Verde nella stazione di Taranto. Foto a cura di Legambiente Puglia
I temi di quest'anno riguardano la mobilità sostenibile, le fonti rinnovabili, il risparmio energetico,il riciclo. All'interno del treno si troveranno plastici giochi e modellini per spiegare come con piccoli o grandi accorgimenti si possa ottenere una vantaggio economico adottando una modo di vivere che vada incontro a queste tematiche ( per esempio preferendo elettrodomestici ad alta efficienza energetica). L'altro aspetto molto importante dell'inziativa è il monitoraggio operato dal Laboratorio Mobile dell'Istituto Sperimentale di RFI per 72 ore degli inquinanti atmosferici, tra cui le famigerati PM10 e l'inquinamento acustico. Anche quest'anno le nostre città non brillano di certo da questo punto di vista: l'UE ci impone di non superare un tetto di concentrazione delle PM10 nell'aria per più di 35 giorni l'anno ma già città come Brescia e Monza hanno raggiunto tale soglia, Milano è a 34, Padova è a 33 e Torino è a 32, Napoli è a 28 Venezia è a 27 e Bologna è a 25. Tra le altre cose monitorate a bordo del treno ci saranno le concentrazioni in atmosfera di benzene, biossido di azoto, monossido di carbonio, biossido di zolfo e ozono. Questi dati saranno presentati in una conferenza stampa che si terrà a bordo del treno a conclusione di ciascuna delle 9 tappe e il materiale sarà consultabile sul sito www.legambiente.eu . Ultimo aspetto su cui mi soffermo è anche il fatto che comunque la nostra rete non è così sviluppata: secondo dati forniti dal presidente di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza, dal 2002 al 2009, il 67% dei finanziamenti statali andati in opere pubbliche si è rivolto a strade e autostrade mentre solo il 21% è andato alla rete metropolitana, che con i suoi 161,9 km risulta essere la più corta d'europa. E anche le ferrovie suburbane non se la passano meglio: hanno complessivamente l'estensione di 591,7 km che sono pochissimi rispetto ai 2033 della Germania.
Per questo è importante conoscere per bene cosa possiamo fare perchè solo noi mettendo tante piccole gocce potremmo
aiutare la nostra amata terra a stare meglio e con essa a stare meglio pure noi stessi.

Articolo di Lorenzo Lipparini
Fonti: Ferrovie dello Stato e Legambiente








Pagina resa in 0.03 secondi! 7,868,158 visite uniche