Navigazione
· Home Page
· Forum
· Galleria Fotografica
· Catalogo Locomotori
· Downloads
· Articoli
· News
· Links
· Staff e Contatti
· Ricerca

· admin
ArenaWays, il futuro Piemontese





ArenaWays, il futuro Piemontese .





Inizia il futuro.
Così oserei definire lo sbarco di Arenaways nel trasporto ferroviario del Nord-Ovest.
Nel quadro della liberalizzazione del trasporto su ferrovia in Europa, Arenaways sarà il primo vettore ad accendere la concorrenza diretta con Trenitalia, offrendo un anello che collegherà Torino Lingotto e Porta Susa con Milano Fiera e Milano via Vercelli e Novara, ma la grande novità sarà che Milano viene collegata con servizi "diretti" via Pavia,Alessandria e Asti con Torino, rendendo possibile un viaggio da Pavia a Torino diretto e senza cambio del treno.

www. areaways.com
Ecco il treno con cui sarà effettuato il servizio.
E' l'ETR340 della STADLER che Arenaways chiama "RAPIDO"

Stradeferrate.it
Le novità sono molte.
Il posto è a prenotazione obbligatoria, perciò nessuno starà in piedi.
Il treno ha a disposizione 240 posti e il presidente ha gia definito il servizio "locale con il confort dell'alta velocità"

Ecco alcuni particolari dei nuovi treni "RAPIDO"

•sedili ergonomici che sostengono correttamente dorso e testa, braccioli snelli ma sufficienti ad appoggiare comodamente l’avambraccio

•spazio tra i sedili e tra le file per spostarsi agevolmente e per muovere gambe e braccia senza costrizioni: Arenaways introduce per la prima volta, nell’ambito del trasporto viaggiatori regionale, il modulo (distanza tra i sedili) di 1800 mm, a differenza dell’attuale modulo di 1350 mm della maggior parte dei treni regionali

•fodere in pelle e tessuti di qualità, traspiranti e gradevoli al tatto, con imbottitura speciale antivandalismo

•spazio bagagli capiente, cappelliere per i bagagli a mano trasparenti, per favorire la pulizia…..e il suo controllo

•grandi finestre per viaggiare immersi nel paesaggio

•prese di corrente a disposizione lungo tutto il treno per ricaricare computer e telefonini ed utilizzare il notebook

•sistema informativo di bordo, diffusione sonora e video delle informazioni relative alla marcia del treno, informazioni attinenti alla sicurezza e news in tempo reale.


Le Tariffe:
Arenaways dice che viaggiare tra Torino e Milano potrebbe costare meno, se non ci fosse unalegge che vieta di applicare prezzi inferiori a quelli della ferrovia statale, in compenso offrirà servizi molto maggiori, come la prenotazione del posto senza supplemento e la certezza di non viaggiare mai in piedi.
Infatti su Rapido non c’è over-booking: se un convoglio si riempie, non si vendono più biglietti per quell’orario di partenza. Inoltre le tariffe potranno variare fra ore di punta e ore normali. Viaggiare alle 11 del mattino potrà costare meno che alle 8, ma la qualità del treno e del servizio sarà la stessa.
Per gli abbonamenti sono previste numerose combinazioni a tariffe vantaggiose, per chi viaggia tutti i giorni alla stessa ora come per chi viaggia in giorni e orari diversi. Sono previste promozioni che permetteranno di ottenere abbonamenti super scontati e assolutamente gratuiti. In più, gli abbonamenti giornalieri ad ora prestabilita offrono anche la possibilità di prenotare un determinato posto per tutto il periodo. In tal modo chi lo desidera può scegliere la posizione preferita (vicino al finestrino o verso il corridoio, davanti o dietro…) ma non solo: può farlo insieme ad amici o colleghi, avendo così la piacevole certezza di viaggiare sempre con le persone che conosce.
Biella vuole infilarsi in questo corridoio e cerca di convincere Arenaways a darle spazio, forte dei 2000 pendolari che ogni giorno si muovono verso Milano
(1200) e Torino. Arenaways ha presentato le sue condizioni: la società si accolla le spese che riesce a coprire con la bigliettazione per 11 corse al giorno, il resto tocca all’ente pubblico. Cinque mesi, appunto, per trovare 650 mila euro e far partire il primo treno. Roberto Simonetti, da sei mesi alla guida di una
giunta di centrodestra, nel presentare l’iniziativa ha parlato di una duplice sfida: rispondere a un’esigenza del territorio che chiede diuscire dall’isolamento e offrireun nuovo servizio ai viaggiatori.
La Provincia sembra dare per scontato il sostegnodel Comune (pure a guida centrodestra) e nei prossimi giorni cercherà quello di Unione industriale, associazioni di categoria e Fondazioni.
Biella ci crede a tal punto da avviare in parallelo un’altra operazione: una campagna promozionale per convincere i milanesi a investire nel mercato
immobiliare locale.

Insomma, le prospettive sono tante, la realtà per ora è la speranza che un vettore Privato intacchi il dominio del monopolio pubblico, fatto di disservizi e ritardi.
Il 2010 darà gia delle risposte? Lo sapremo solo verso la fine dell'anno, quando il privato avrà iniziato la sua battaglia contro Trenitalia.







Pagina resa in 0.09 secondi! 8,271,897 visite uniche